COME STAI?

È la prima domanda che ti farò, per capire che tipo di dolore senti ma soprattutto qual è il risultato che vuoi raggiungere (dal benessere generale, all’assenza di dolore, al recupero della mobilità di un articolazione, ecc.). Da questa domanda parte una piccola anamnesi che mi permetterà di creare il trattamento su misura per te: ricorda che il nostro corpo è un piccolo universo dove ogni parte è legata alle altre indissolubilmente quindi non possiamo dividere o isolare le singole zone. Siamo un sistema affascinante e complesso con un potenziale di autoguarigione immenso: occorre semplicemente trovare la chiave per aprire quei meccanismi in cui spesso adoriamo incastrarci.

MAL DI SCHIENA GENERALIZZATO

Spesso di presenta la mattina appena svegli, ci sentiamo indolenziti dappertutto e per nulla riposati e , forse, non abbiamo riposato affatto. Stendersi sul letto e dormire non equivale a riposarsi, come stendersi sul lettino non equivale a rilassarsi. Siamo così tempestati dagli stimoli dell’ambiente esterno che ignoriamo completamente quelli che sono gli stimoli che ci arrivano dall’interno, dal nostro corpo, dal nostro cuore e dalla nostra mente. Il massaggio ti aiuterà a recuperare la capacità di rilassarti, di distendere mente e corpo, e di raggiungere quello stato profondo del sonno in cui i nostri tessuti possono rigenerarsi: ti ritroverai al risveglio libero e pieno di energie.

DOLORI LOMBO-SACRALI

Ci impediscono di svolgere numerose attività quotidiane: rifare il letto la mattina, camminare, guidare, sollevare le borse della spesa, prendere in braccio i bambini, correre, fare sport.. Sono quei fastidi che abbiamo imparato ad ignorare e che poi improvvisamente si trasformano in un “colpo della strega”. Non è l’ultima goccia che fa traboccare il vaso ma l’acqua che giorno dopo giorno facciamo finta di non vedere che, a lungo andare, non può che trasformarsi in un fiume in piena.

DOLORI CERVICALI

I mitici “colpi d’aria”. Proprio loro, quelli del freddo, ma anche del caldo, quelli dell’aria condizionata, ma anche del tempo che cambia. A chi non è mai capitato? Premesso che gli agenti esterni hanno chiaramente un’influenza sulla nostra postura e sul nostro atteggiamento quotidiano, mi preme “svelare” che spesso un forte torcicollo altro non è che un segnale disperato del nostro corpo per immobilizzarci. Della serie “mi tocca usare le maniere forti!”. Ancora una volta, bloccarsi improvvisamente è sintomo di un malessere muscolare o strutturale quotidiano che tendiamo ad ignorare e che obbliga il corpo a prendere provvedimenti. Sai che spesso il tuo dolore al collo può arrivare da una spalla, da un gluteo o magari persino da un ginocchio? “Tutto è uno” è il motto dell’Olismo e ne abbiamo le prove ogni giorno ☺

CEFALEE

Cefalee (specialmente di natura mio-tensiva): questo è uno dei disturbi a cadenza ciclica che può avere le cause più disparate. Ciclo mestruale, esercizio fisico, assenza di movimento, periodi di particolare stress, alimentazione sbagliata, allergie, sistema immunitario in deficit.. sono solo alcune delle cause che posso scatenarci il famoso mal di testa, dal più leggero e sopportabile (“ma tanto ormai ci sono abituato”) a quello invalidante che non ci permette neppure di stare con gli occhi aperti. Tra le cause di questo disturbo troviamo spesso tensioni muscolari legate a schiena, bacino ma anche a braccia e gambe, che possono trovare sollievo immediato dopo un trattamento rilassante o decontratturante. Durante il massaggio, infatti, la testa e il punto da cui si originano le tensioni vengono messi in comunicazione, attraverso le connessioni nervose, la fascia, il tessuto connettivo e il respiro. Segue una sensazione nuova di alleggerimento: la testa si svuota da pensieri e tensioni e il corpo ritrova equilibrio e armonia.

PARESTESIE A BRACCIA E GAMBE

Una conseguenza molto comune di un ipertono muscolare è la perdita di sensibilità in alcune parti del corpo, soprattutto le estremità. Se ti capita di sentire dei formicolii improvvisi alle mani o ai piedi, magari la notte o prima di addormentarti, oppure delle piccole scosse che scendono dall’anca fino ad arrivare al ginocchio o addirittura alla caviglia, sappi che alcuni muscoli, in particolare quelli del rachide ma anche del bacino, potrebbero essere così tesi e rigidi da comprimerti delle terminazioni nervose che, quando schiacciate, ti inviano quei fastidiosi segnali di cui parlavamo sopra. Il massaggio abbatte questo eccessivo tono muscolare, allentando le tensioni e riportando equilibrio in tutta la struttura: ne consegue un’immediata sensazione di leggerezza e libertà.

PROBLEMI MUSCOLARI E ARTICOLARI

Spesso le nostre articolazioni perdono il cosiddetto range di movimento poiché incastrate in una muscolatura talmente tesa e contratta da non permettere alle ossa di muoversi liberamente. Queste compressioni dei capi ossei sono alla base dell’artrosi: l’articolazione che non riesce a lavorare bene, comincerà a ingegnarsi e modificarsi per sentire meno dolore possibile e risparmiare energia. Come? Creando delle calcificazioni che immobilizzano la parte. L’artrosi altro non è che un meccanismo di difesa del corpo e spesso è causata da un eccessiva compressione muscolare. Il massaggio può aiutare le tue articolazioni a ritrovare spazio e, perché no, a recuperare parte di quei movimenti che ormai pensavi di non poter più fare, come appoggiare correttamente i piedi a terra, camminare con la schiena dritta, sollevare le braccia, andare in bicicletta, ecc.

PROBLEMI POSTURALI

Sul tema della postura ci sono infiniti trattati e studi che portano ogni giorno scoperte nuove. Il mio obiettivo è di aiutarti a migliorare il tuo atteggiamento posturale nel quotidiano, in modo che tu stesso possa diventare consapevole di come il tuo corpo si muove nello spazio e dei meccanismi che mette in atto per adeguarsi agli stimoli esterni. Una borsa che pesa 10 kg sulla spalla destra, sostenuta uno, due, tre, 20 giorni consecutivi, attiverà il corpo per stare tutto rivolto a sinistra (per bilanciare) oppure abbasserà la spalla destra per cedere in parte alla forza di gravità. Questo è solo un esempio di come la nostra postura venga danneggiata giorno dopo giorno da queste cattive abitudini. Potrei citare i tacchi troppo alti ma anche le ore seduti davanti al computer senza sosta, la testa chinata per studiare 4 o 5 ore ininterrottamente, senza contare la frenetica attività di occhi, nuca, collo e spalle (ma non solo) per star dietro a smartphone e tablet. Il massaggio posturale ha come obiettivo quello di riallineare la tua schiena e farti sentire quale sia davvero il tuo assetto ideale: è un percorso che, con l’impegno di entrambi, porta a risultati straordinari, ricompensando i tuoi sforzi con una sensazione di radicamento e insieme leggerezza di cui non potrai più fare a meno,.

TRAUMI SPORTIVI E POST OPERATORI

In seguito a traumi importanti come distorsioni, lussazioni o fratture, ci accorgiamo che, anche a distanza di anni, la parte interessata non ha recuperato forza, mobilità e funzionalità al 100%, per cui in qualche modo ci limita in alcune attività, costringendo il corpo ad utilizzare numerose energie per sopperire a questo deficit. Il mio compito sarà quello di eliminare eventuali stasi di liquido, lavorare sulla fascia per pulirla e disintossicarla (immagina la fascia come una pellicola trasparente che avvolge il muscolo e che lo segue in tutti i suoi movimenti) e infine, attraverso la ginnastica passiva, andare a rinforzare la muscolatura e nel contempo ad allungarla. Ricorda che un muscolo sano e lungo avrà maggiore potenza e resistenza. In caso di trauma post operatorio, verrà aggiunto un potente lavoro sulla cicatrice dell’intervento che, anche dopo molto tempo, inevitabilmente creerà aderenze (e quindi resistenze) sui tessuti sottostanti. Sciogliere questo tipo di tensioni andrà a sbloccare il corpo, rendendolo più libero e fiducioso di muoversi nello spazio e abbassando quello stato di allerta che crea sempre nuovi timori e rigidità.

RITENZIONE IDRICA

parliamo di problemi di microcircolazione e linfatici, di gambe pesanti perché stiamo 10 ore seduti alla scrivania o perché ne passiamo altrettante in piedi dietro un bancone; parliamo di gonfiori dolenti localizzati a ginocchia e caviglie la sera ma anche la mattina appena svegli. Come sappiamo un’alimentazione ricca di zuccheri e grassi, l’assenza di attività fisica e una determinata conformazione strutturale genetica sono alla base della famosissima ritenzione idrica. Non ti nego che moltissime donne nel mio studio vorrebbero che io facessi “un miracolo”. Siamo abituati ad approcciare questo tipo di problema dal punto di vista estetico (cellulite, buccia d’arancia, gambe gonfie…) ma quali sono davvero le conseguenze che la ritenzione idrica può avere su tutto il nostro fisico? Chi soffre di questo disturbo si trova in un costante stato infiammatorio (cronico) per il quale il nostro organismo lavora incessantemente: il tentativo è quello di andare a liberare e pulire un tessuto carico di tossine che si è barricato dietro una fortezza e non ha nessuna intenzione di rispondere agli stimoli. In questo scenario il massaggio è davvero grandioso: tramite il contatto diretto con la parte, andremo a stimolare il sistema linfatico, circolatorio, ma anche endocrino, nervoso e respiratorio affinchè il tessuto intossicato riesca a rilassarsi, abbassando le difese e lasciando che l’azione drenante e stimolante del trattamento faccia il suo effetto. Ritrovare gambe, glutei, addome più leggeri, rilassati e visibilmente più sgonfi e collaborativi sarà una sensazione che perdurerà per giorni dopo ogni singolo trattamento.

EDEMI LOCALIZZATI/ STASI SANGUIGNA E LINFATICA

Uno stile di vita poco regolare, una scarsa attività fisica, una predisposizione strutturale, una cattiva postura sono solo alcune delle cause che possono dare origine alla formazione di edemi localizzati (spesso all’altezza di ginocchia, gambe e caviglie ma anche braccia e dorso) dovuti ad un accumulo di linfa che non riesce ad essere smaltita o ad una insufficienza del microcircolo che non riesce a sopportare normali carichi di lavoro. Queste stasi di liquido possono creare tensioni muscolari, dolori articolari, ipomobilità, difficoltà nei movimenti più banali, modifiche dell’assetto posturale che, col tempo, influenzeranno negativamente l’intera struttura. Il massaggio connettivale e linfodrenante nascono proprio per dare un aiuto concreto al nostro organismo nello smaltimento dei liquidi in eccesso, stimolandoli al movimento e direzionandoli verso le nostre vie di uscita. Si tratta di massaggi mirati e delicati, per nulla invasivi, che mirano alla stimolazione non solo dei singoli sistemi ma anche della comunicazione tra gli stessi, per agevolare lo smaltimento delle sostanze di rifiuto e creare spazio per nutrimento, pace e benessere.

DOLORI ADDOMINALI E VISCERALI

L’addome è una delle parti più intime del nostro corpo. Spesso facciamo fatica ad accettarlo, a mostrarlo e toccarlo. Una parete addominale molto tesa può essere una delle cause principali di un dolore lombo-sacrale, ma anche cervico-dorsale: la fascia aponeurotica che avvolge i nostri muscoli e i nostri visceri addominali è infatti unita alla nostra muscolatura del rachide e del bacino. Un banale mal di schiena può essere legato quindi anche ad un intestino affaticato, che non lavora bene, colitico; oppure viceversa, un bruciore di stomaco può essere scatenato da un diaframma molto teso, o addirittura retratto, che ostacola l’attività del viscere nel processo digestivo. Ti svelo un segreto: parte anteriore e posteriore del nostro corpo comunicano! Sempre! Anche se molte volte ci concentriamo solo su una di queste e tendiamo ad ascoltare il messaggio di dolore più intenso. Hai mai provato, durante un mal di schiena, ad ascoltare la tua pancia? Oppure, al contrario, hai mai provato ad ascoltare la tua schiena durante un attacco di gastrite? Il trattamento ti renderà consapevole di questa unità e ti darà gli strumenti necessari per percepire il percorso del dolore, fino ad arrivare alla causa stessa, senza soffermarti unicamente sul sintomo iniziale.

MALESSERE DA STRESS

“Dopo il trattamento, sembra che la realtà abbia un ritmo più umano”, mi disse una volta un amico. Nella vita di tutti i giorni ignoriamo il bisogno di fermarci, di dedicare tempo a noi stessi, di riposarci, di fare qualcosa che ci renda felici. Finchè non proviamo un benessere più sano e genuino, penseremo che il non sentire dolori, non avere particolari preoccupazioni e una vita realizzata secondo gli standard della società siano segnali che “stiamo bene”. Lavoriamo tutto l’anno per “sopravvivere” e quando finalmente decidiamo di andare in vacanza, ci blocchiamo con la schiena o siamo colpiti da tremende cefalee, che ci annullano per almeno tre giorni. Vivere la vita come se fosse una corsa all’impazzata non è positivo per il nostro corpo né tantomeno per la nostra mente. Essere in continuo stato di allerta, dormire poche ore, ignorare i malesseri e gli stati d’animo non significa essere capaci di stare bene; significa accumulare uno stress che presto o tardi si farà sentire e stai pure certo che si paleserà proprio quando abbasserai le difese e permetterai al corpo di “farsi sentire”. Il massaggio è una vera e propria presa di coscienza e mette il tuo corpo nelle condizioni di reagire meglio all’accumulo di stress: percepire un riequilibrio, sentire che qualcosa dentro e fuori di noi è cambiato, sentirsi più sollevati, leggeri e al contempo rilassati ma carichi di energia è uno stato fisico e mentale che dovremmo imparare ad introdurre nella nostra quotidianità. Provaci! Ti stupirai delle potenzialità del tuo corpo e acquisterai fiducia in te stesso ☺

Queste sono solo alcune delle problematiche che posso aiutarti a risolvere!

Ti invito inoltre a leggere la sezione I BENEFICI DEL MASSAGGIO, per renderti conto di come un semplice massaggio rilassante possa diventare un potente strumento per ridare al corpo e alla mente quella sensazione di pace e tranquillità spesso sovrastata dalla frenesia del quotidiano. E non parlo di magia: parlo di reazioni chimiche, di sostanze che vengono prodotte dal nostro corpo per farci stare bene ma che spesso non riescono ad essere secrete per mancanza di stimoli. Il massaggio è uno degli input più positivi per lasciare che tutti i nostri apparati possano comunicare tra loro e ritrovare l’equilibrio che sta alla base del corretto funzionamento di ogni singola cellula.

I BENEFICI DEL MASSAGGIO

Il massaggio può dare enormi benefici

Siamo un sistema affascinante e complesso con un potenziale di autoguarigione immenso: occorre semplicemente trovare la chiave per aprire quei meccanismi in cui spesso adoriamo incastrarci.